L’evoluzione dell’Inglese alla British Library

Un giorno come tanti della mia nuova vita nella Capitale. Sono con la mia (allora) coinquilina spagnola (che parla un perfetto italiano) e mentre aspettiamo la metropolitana, inganniamo il tempo studiando la mappa della London Tube. “Chissà perche’ Hackney Wick si chiama così…” se ne esce Teresa assorta nella contemplazione di quel gomitolo di linee colorate. Già, perche’ ? mi chiedo anch’io. E quel Wick di Hackney e’ lo stesso che sta attaccato a nomi come Gatwick e Warwik? E qual’era la differenza (se ce n’era una) con il -wich di Aldwich e Norwich? Eravamo così prese dallo studio della toponomastica che abbiamo perso almeno un paio di treni. Nevermind
Punch illustration (27 October 1855) shown in the Evolving English Exhibition at the British Library     

Inutile dire che mi sono buttata nello studio della Filologia Germanica con la stessa passione con cui all’università ho affrontato l’esame di Filologia Romanza. Il fatto e’ che mi piacciono le parole, ma ancora di più mi piace la loro storia. Come siamo arrivati alla nostra lingua? Attraverso quali strani passaggi sono passate le parole che usiamo prima di cristallizzarsi nella forma più o meno stabile che ci permette di comunicare con amici e parenti, di comprare il giornale, fare il cruciverba, leggere un libro, di funzionare insomma?

Ragion per cui ho dato il benvenuto con entusiasmo ad Evolving English: One Language, Many Voices alla British Library, la prima mostra che esplora la storia della lingua inglese raccontando l’affascinante storia della mia lingua adottiva e la sua evoluzione da linguaggio degli abitanti di un’isoletta del Nord a fenomeno mondiale.

Dalle rune anglosassoni al gergo di Papua Nuova Guinea, da Chaucer al Rap contemporaneo, la mostra esamina non solo lo stato attuale di una lingua parlata al giorno d’oggi da circa un terzo della popolazione mondiale, ma la sua provenienza e il suo futuro. Un futuro al tempo stesso minacciato e arricchito dall’adozione di termini stranieri e da quelli creati da Internet. Un’opportunità unica di vedere (e, grazie alle numerosissime registrazioni,  ascoltare) la sua evoluzione. Un’evoluzione che al giorno d’oggi non e ancora per nulla terminata.

2011 ©Paola Cacciari

Londra/fino al 3 Aprile 2011
Evolving English: One Language, Many Voices

One thought on “L’evoluzione dell’Inglese alla British Library

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.