Yohji Yamamoto al Victoria and Albert Museum

È una delle qualità degli abiti di Yohji Yamamoto (Tokyo, 1943) quella di piacere un po’ a tutti, anche a coloro che di solito della moda non sono i più devoti seguaci.
Sono abiti dalla linea sobria, rilassata. Abiti fatti per sfidare il tempo. ‘Il tessuto per me è tutto’, afferma Yamamoto, semplicemente “Yohji” per i giapponesi e per gli addetti ai lavori. E le stesse donne che non si farebbero vedere morte in un abito della stagione passata, si vantano felicemente di indossare lo stesso Yamamoto da vent’anni. 

Ma non si tratta solo solo i tessuti. Ciò che brilla nelle sale del Victoria and Albert Museum, che ospita la prima retrospettiva dedicata al grande stilista, è il suo intero brand, il suo contegno, la sua dedizione, l’innegabile talento di questo personaggio che, con Kenzo ed Issey Miyake, appartiene al  pantheon dei grandi della moda giapponese.

Perchè è proprio la qualità strutturale dei suoi abiti a regnare sovrana tanto nello spazio bianco accecante principale della mostra – quasi un set fotografico- quanto nei sei display-satelliti che adornano con la loro misteriosa presenza altrettante aree del museo selezionate con grande cura da Masao Nihei, che da anni è di Yamamoto è il più stretto collaboratore.

fino al 10 Luglio
Victoria and Albert Museum

One thought on “Yohji Yamamoto al Victoria and Albert Museum

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.