The Camera Exposed @ Victoria and Albert Museum

Oggigiorno ci sentiamo tutti un po’ fotografi.  Ipad, tablet e smartphone sono sempre più sofisticati e hanno lo stesso numero di megapixel se non di più, di una macchina fotografica.

La gente fa sempre più fotografie che ama condividere sui social media e anche per questo lo smartphone ha soppiantato la tradizionale macchina fotografica. La fotografia, quella vera, richiede tempo e pazienza e se uno è pigro e restio (come la sottoscritta) a portarsi in giro un’ingombrante reflex, la scelta cade inevitabilemente sullo smartphone.

E allora, prorpio a questo mezzo che sta diventando sempre più obsoleto, il Victoria and Albert Museum ha dedicato una piccola e deliziosa mostra nella sala della fotografia, dal titolo The Camera Exposed dove, neanche a dirlo, la protagonista è proprio la macchina fotografica.

Weegee the Famous', Richard Sadler, 1963. © Richard Sadler
Weegee the Famous’, Richard Sadler, 1963. © Richard Sadler

Dal proto-surrealista Eugène Atget al fotografo delle dive Richard Avedon, dalla fotografa vittoriana Clementina, Lady Hawarden a Don McCullin, i fotografi amano immortalarsi con il loro macchina fotografica. Già nel 1853, Charles Thurston Thompson (1816-1868), il primo fotografo ufficiale del Museo di South Kensington (come allora si chiamava allora il Victoria and Albert Museum), ha immortalato il suo la riflesso insieme alla sua macchina fotografica, nel vetro di un decoratissimo specchio veneziano. Ancora oggi ogni oggetto appartenente alle collezioni di un museo o pinacoteca è accuratamente documentato e le fotografie costituiscono preziosi documenti di studio per curatori e restauratori. Nel caso del V&A, questo economiche copie fotografiche erano ricercate anche da designer, artigiani e studenti di storia dell’arte.

'Venetian mirror circa 1700', Charles Thurston Thompson, 1853 © Victoria and Albert Museum, London
‘Venetian mirror circa 1700’, Charles Thurston Thompson, 1853 © Victoria and Albert Museum, London

Immortalando il suo riflesso e quello della sua ingombrante macchina fotografica e del treppiede che la sostiene, Thompson mostra il processo creativo dell’immagine. Ma luce non era sufficiente e lo specchio dovette essere portato fuori, all’aperto. A dimostrare che anche la vita di un fotografo da museo vittoriano poteva essere alquanto avventurosa…

2016 ©Paola Cacciari

Londra// fino al 5 Marzo 2017
The Camera Exposed

Victoria and Albert Museum

vam.ac.uk

16 thoughts on “The Camera Exposed @ Victoria and Albert Museum

  1. Sempre interessante, Paola.

    Nota molto a margine: tutti sono fotografi, ora, giustamente noti e condivido, e l’idiozia ha trovato così modo di perpetuarsi e allargarsi. Aggiungo solo: altrettanto avviene con la scrittura.
    Pace all’anima nostra, e amen, così sia.

    Liked by 3 people

      1. Io a volte non riesco a starti dietro invece! Sei una miniera inesauribile di preziose notizie ed informazioni! Sopratutto per chi come me vive fuori… !!! 🙂

        Liked by 1 person

      2. perché son gazza ladra di notizie, e molto molto veloce, 20 anni di rete e 15 di siti e blog mi hanno velocizzata, epoi sono iperattiva, in tutto 🙂

        Liked by 1 person

  2. Vero, la vera fotografia. Ora, tra macchine super tecnologiche, siti per migliorare le foto…non serve piu’ il talento!! Sempre interessanti i tuoi post, grazie. Ciao,65Luna

    Liked by 2 people

Leave a Reply to Guido Sperandio Cancel reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.