Enrico Cecchetti

Balletto Classico

Enrico_Cecchetti_-circa_1900

Enrico Cecchetti fu un ballerino, coreografo e insegnante di danza classica. Padre della moderna didattica della danza classica, omonimo dello stesso metodo di insegnamento da lui ideato, fu il maestro più importante del secolo XX. Alla sua scuola si formeranno molti dei grandi interpreti dei Balletti Russi.

View original post 2.845 altre parole

Lo zucchero cambia la chimica del tuo cervello — ORME SVELATE

Dopo 12 giorni di assunzione di zucchero, i ricercatori hanno notato importanti cambiamenti sia nel sistema dopaminico che oppioide del cervello dei suini. Alterazioni nel sistema oppioide sono state osservate dopo la prima assunzione di zucchero.

via Lo zucchero cambia la chimica del tuo cervello — ORME SVELATE

Sfida all’ultimo museo…

Il secondo proposito per l’anno nuovo è visitare alcuni dei musei di Londra in cui non ho ancora messo piede, una sfida notevole visto che se vogliamo credere a Wikipedia, nell’intera area della Greater London ce ne sono circa 250 tra grandi, meno grandi, piccoli e minuscoli, pubblici e privati. So già che fallirò miseramente ma vale la pena provare…

La lista completa (o quasi) dei musei di Londra la trovate qui  😁

Buoni propositi per il 2020

Oggi mi ha preso un “Marie Kondo moment” e seguendo i precetti della gura giapponese ho passato la giornata a  riorganizzare la mia libreria, prendendo in mano ogni libro – non tanto per decidere se mi dava gioia (i libri in genere mi danno sempre gioia…), ma per spolverarlo amorevolmente, uno per volta, prima di rimetterlo a posto sullo scaffale, tenendo da parte quelli che non avevo ancora letto perché non era ancora il momento giusto e che hanno finito con il perdersi tra gli altri. Il risultato è stato questa montagna di libri. Così ho deciso che il mio primo proposito per l’anno nuovo quest’anno sarà il cercare di leggere almeno alcuni dei libri di questa pila – oltre a quelli che inevitabilmente finirò con il comprare e prendere in prestito in biblioteca . 

I social di un tempo che fu

Blog di Demonio

Certo che oggi abituati a ciò che abbiamo è difficile pensare ad un passato diverso senza questa tecnologia della comunicazione! I millenial ad esempio abituati sin dalla nascita ad avere uno smartphone in mano che ne potranno mai sapere di un epoca completamente diversa dove al massimo, recandoti alle poste potevi usare la tecnologia per scrivere (dettando all’operatore!) un telegramma! O prima ancora col telegrafo!

O come ho cercato di spiegare all’incredula nipotina usando i piccioni viaggiatori! Lei voleva che le regalassi uno smartphone ma avendo solo dieci anni ho optato per dei libri dicendole che magari le compravo un piccione viaggiatore e con quello avrebbe potuto messaggiare con la sua amichetta del cuore! Pensava che la prendessi in giro! E lo penserebbe di certo chiunque!

tumblr-o6eo2gog-XV1se7qtio9-540

Ma già la semplice lettera, che oltre a dover scrivere, su un foglio e mettere in una busta, poi dovevi affrancare (secondo voi lo…

View original post 558 altre parole

Gite Fuori Porta: Bath

“Oh! Who can be ever tired of Bath?”

Jane Austen ha scritto questa celebre frase ne L’abbazia di Northanger (Northanger Abbey, 1803), la sua personale parodia del genere del romanzo gotico così in voga tra la fine del Settecento e l’inizio del nuovo secolo.

E personalmente non potrei essere più d’accordo: adoro Bath e ci torno ogni volta che posso e ogni volta rimango stupita dalla neoclassica bellezza della sua architettura. Il fatto che a Jane la città non piacesse era più un fatto legato alla sua personale situazione di nomade forzata, che ad obiezioni riguardo all’architettura georgiana. E comunque fu proprio qui che scrisse oltre al suddetto Northanger Abbey, anche un’altro dei miei romanzi pereferiti, Persuasion.

20190622_114956
Jane Austen ceramic teapot, Bath. 2019 © Paola Cacciari

Jane visse a Bath dal 1801 al 1806, quando l’alta società inglese prese a riversarsi nella città termale per i suoi presunti benefici per la salute. I suoi genitori trasferirono la famiglia qui per seguire quella moda. Durante il periodo trascorso nella citta termale, la famiglia di Jane Austen visse a vari indirizzi, tra cui il n. 4 di Sydney Place, una bella casa a schiera che Jane trovò relativamente piacevole, anche se non era felice per la mossa in generale, come scrive Claire Tomalin descrive nella sua splendida biografia Jane Austen: A Life.Sfortunatamente fu qui che il padre morì improvvisamente nel Gennaio del 1805, lasciando la moglie e le due figlie in precarie condizioni finanziarie, non avendo risorse proprie. Abbandonata Sidney Street, Jane e Cassandra si trasferirono con la madre nella al n. 25 di Gay Street, riducendo il personale ad una sola cameriera di per tutto il lavoro. Al numero 40 di Gay Street, ssi trova il Jane Austen Centre, una tappa da non perdere per tutti gli appassionati di Jane Austen.

Bath. 2019 © Paola Cacciari (13)
Jane Austen Centre, Bath. 2019 © Paola Cacciari

Quella di Sydney Place era una delizosa casa a schiera di recente costruzione, vicino a Sydney Gardens , un parco in cui Jane faceva lunghe passeggiate e abbastanza al di fuori dall’affollato centro di Bath, ma a breve distanza a piedi da Pulteney Bridge, il bel ponte in stile palladiano sul fiume Avon, che attraversa la città.

Bath. 2019 © Paola Cacciari (32)
Pulteney Bridge, Bath. 2019 © Paola Cacciari

Trovo assolutamente impossibile non restare a bocca aperta davanti alla serena bellezza del suo centro storico, costruito nel XVIII secolo in stile Georgiano, per rispondere al crescente bisogno di benessere e comfort da parte dei visitatori delle terme e non mi sorprende neanche un po’ che la città di Bath sia stata dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità.

La cosa positiva di Bath è il suo essere una citta compatta, con gli edifici piú significativi l’uno accanto all’atro. E cosi’ raccolti in un breve spazio abbiamo le famossime Terme Romane, L’Abbazia (originariamente una cattedrale normanna che venne poi ricostruita in stile gotico nel secolo XVII; ulteriori lavori di ristrutturazione vennero poi fatti all’interno di essa nel XIX secolo), e la deliziosa Vittoria Gallery.

Una delle caratteristiche di Bath che amo di piú il Royal Crescent, l’elegante complesso residenziale composto da 30 unità abitative a schiera disposte secondo una mezzaluna, che in inglese si chiama crescent. Ideato e progettato da John Wood il Giovane e costruito fra il 1767 e il 1774, questo è il più importante esempio di architettura georgiana del Regno Unito.

Royal Crescent, Bath. 2019 © Paola Cacciari (11)
Royal Crescent, Bath, 2019 © Paola Cacciari

A complementare il Royal Crescent è vicino Circus (dal latino circus, che significa anello, ovale o cerchio), un’altro complesso residenziale di forma circolare, anch’esso ideato da John Wood il Vecchio e realizzato da John Wood il Giovane tra il 1754 e il 1768, e suddiviso in tre corpi di ugual misura, con al centro una strada circolare ed un ampio spazio verde all’interno. Le tre strade di accesso perfettamente equidistanti puntano ognuna verso uno dei tre corpi curvilinei del complesso, permettendo ai visitatori una visione ottimale del Circus da qualunque parte si giunga. Ogni segmento è diviso in più unità abitative, esattamente speculari ed ognuna col proprio ingresso, sullo stile del Royal Crescent. Entrambi i complessi residenzialei sono la quen’essenza del sogno visionario dell’architettura georgiana.

E naturalmente non si poteva non fare un pellegrinaggio da Sally Lunn’s, la sala da il té che ha reso celebre quella che e’ diventata la specialità cittadina: i bun. Questi sono simili a brioches di pasta lievitata e leggermente dolci, e possono essere serviti dolci o salati, un po’ come le crepes. Non a caso l’inventrice di tale leccornia fu una certa Sally Lunn, una francese sfuggita alla persecuzione degli Ugonotti nel 1680.

Bath. 2019 © Paola Cacciari (23)
Sally Lunn’s Tea Room, Bath, 2019 © Paola Cacciari

La Victoria Art Gallery La collezione comprende arte decorativa e dipinti di pittori britannici del XVIII secolo ad oggi, tra cui Thomas Gainsborough, Walter Sickert ed Howard Hodgkin.

Victoria gallery, Bath. 2019 © Paola Cacciari (32)
Victoria Gallery, Bath, 2019 © Paola Cacciari

Lungo il perimetro della sala si srotola in stucco bianco il fregio del Partenone.  La ciliegina sulla torta. 🙂

visitbath.co.uk

 

 

 

 

 

 

Back in time: Simple Minds – Don’t You (Forget About Me)

Don’t You (Forget About Me) del gruppo scozzese Simple Minds, uscito nel 1985 come primo estratto dalla colonna sonora del film di John Hughes The Breakfast Club. La colonna sonora di una delle estati piu’ belle della mia vita. Buon ascolto (e buona nostalgia! 🙂 )

Simple Minds – Don’t You (Forget About Me)

A Sector Defined by People

I musei nel XXI secolo sono sempre più definiti attrazioni turistiche. Che ci piaccia o no questa e’ la realtà dei fatti.

Front of House Museums

People are visiting British attractions, across the UK visitor numbers have grown by 9%, growth was highest in Scotland where growth topped 19%. This growth was despite a UK wide drop in international visitors (4%). A sign of growing strength in the UK tourism industry, and a sign that the real growth is coming from us, people across the UK. The greatest growth have been found outside London, in cities like Birmingham and Liverpool, and in the home nations of Northern Ireland and Scotland (Brown 2019 Guardian). The visitor growth and declines we are seeing, ask questions about long term patterns and the impact of Brexit (what ever it actually becomes) will areas experiencing growth now, be more insulated as a result of internal visitor growth patterns with areas like London suffering more, notably the sites which relay on international visitors to make up the bulk of their visitor base?…

View original post 251 altre parole