La Russia è donna: leggenda, letteratura, cronaca — Giulia Ciarapica

Fogliata sulla Grana Maria Russia al femminile.

via La Russia è donna: leggenda, letteratura, cronaca — Giulia Ciarapica

Toilet paper apocalypse

Il COVID-19 sta diventando la nuova peste mondiale. Il popolo inglese sembra aver completamente perso la caratteristica impertubabilità , lo “stiff upper lip”, per cui era famoso e la gente che qui in terra angla può ancora uscire, si scatena nella caccia ai beni non deperibili, come pasta, scatolame e carta igienica. Questa la scena al mio supermercato locale.

2020 ©Paola Cacciari1 (3)E visto che anche il gel disinfettante sembra essere scomparso dalla faccia della terra, non solo dalle farmacie, la gente si butta sulla vitamica C per rafforzare le difese immunitarie. E questa è la scena alla filiale di Gloucester Road della catena di farmacie Boots. La desolazione totale.

Visto che non possono contare su Boris Johnson e sul suo tirapiedi Dominic Cummings, i britannici fanno leva su una cosa che perfortuna non hanno ancora perso: il senso dell’umorismo…

2020 ©Paola Cacciari1 (6)

 

The most common last name in different countries — Janet Carr @

If you find this as engrossing as I did, have a look at this article. I found it absolutely fascinating, because it gives possible reasons for naming patterns in different countries. For example, this is what the article says about African and European countries:

via The most common last name in different countries — Janet Carr @

I love them! +Saltarello — tramineraromatico

Non ho proprio saputo resistere, ho dovuto ribloggare il post di tramineraromatico (se non lo conoscete gia’ fate un giro per il suo blog!)

VANGELO Einstein impallidisce di fronte a certe sinapsi neuroniche 😀 😀 😀 CAPOLAVORO 😀 😀 😀 In aggiunta ci sarebbe il baldo governatore del veneto Zaia, anche lui fervente leghista… …con la sua infelice frase sui“cinesi che mangiano i topi vivi” e le cui abitudini sanitarie e alimentari sarebbero all’origine della pandemia influenzale. Ora […]

via I love them! +Saltarello — tramineraromatico

‘Be As Naughty As You Want’ by Bambi

Da qualche anno Banksy ha una rivale, ma io che sono perennemente distratta me ne sono accorta solo la settimana scorsa quando, passando da quel di Seven Dials, Neals Yard, nel cuore di Londra, mi sono imbattusta in questo murales raffigurante Mary Poppins con due bambini.

Bambi, Be As Naughty As You Want. Seven Dials, Neals Yard London WC2
Bambi, Be As Naughty As You Want. Seven Dials, Neals Yard London WC2

Bambi è lo pseudonimo di una street artist britannica la cui opera si concentra sull’identità femminile contemporanea, sul suo rapporto con la cultura patriarcale, e sull’ingiustizia politica e sociale.

Solo che quella raffigurata a stencil sul muro non è una normale Mary Poppins, e quelli che la guaradano stupiti non sono sono due comuni bambini. Ispirata da un’intervista in cui il principe William raccontava di quanto lo rattristasse il fatto che sua madre, la Principessa Diana non abbia mai incontrato i suoi nipoti, Bambi trasforma Lady Di in una fluttuante Mary Poppins, che scende dal cielo con tanto di ombrello e borsa gigante (rigorosamente di Harrods, in omaggio a Dodi al Fayed) per incontrare i suoi nipoti, il principe George e la principessa Charlotte. Accanto la scritta “Be As Naughty As You Want… Just Don’t Get Caught (“Sii monello quanto vuoi… solo, non farti prendere”)

Che in fondo i sogni son desideri di felicità (questa è Cenerentola, ma non importa…) e con un poco di zucchero  e la pillola va giù e tutto brillerà di più!

www.streetartistsbambi.com

Cronache nemediane – Cenni storici sull’archetipo femminile nella Madre Russia — — l’eta’ della innocenza

Articolo di Daniele Dal Bosco Tratto dalla rivista Centro Studi La Runa Nel linguaggio comune odierno si usa sovente l’espressione Madre Russia, preceduta ed incoronata, talvolta, dagli aggettivi Grande o Santa. 1.589 altre parole via Cronache nemediane – Cenni storici sull’archetipo femminile nella Madre Russia —

via Cronache nemediane – Cenni storici sull’archetipo femminile nella Madre Russia — — l’eta’ della innocenza

What’s in a Coffee? — Front of House Museums

This sector is rife with under pay, paying a head of coffee £40,000 is not the problem. The sector is the problem.

via What’s in a Coffee? — Front of House Museums

And So To Bed

Il CODV 19 secondo Samuel Pepys (e secondo Claudia di London SE4 🙂 )

London SE4

Samuel Pepys CoronavirusNon so bene cosa dire di questo 2020.

Il tempo atmosferico è alquanto anomalo, con primavera nettamente anticipata (il viali di SE4 sono tutti in fiore). Al tempo stesso, ho perso il conto di quante tempeste con nomi astrusi ho avuto a che fare nelle ultime settimane. Pioggia, vento e ombrelli rotti.

E poi c’è un virus nuovo, CODV 19, che viene dalla Cina e terrorizza l’Europa. 

Abbiamo avuto il primo caso ufficiale londinese proprio qui vicino. La paziente non è rimasta a casa, non ha telefonato al numero 111, ma ha chiamato un Uber e si è fatta portare al pronto soccorso! 

C’è stato anche un “super-untore” (o super-diffusore, come lo etichettano gli italiani), sopravvissuto al virus, che lo ha sparpagliato, ignaro, qua e là, anche nelle alpi francesi, fino a Maiorca. La sua faccia è finita in prima pagina: unica colpa, quella di essere andato ad…

View original post 708 altre parole

Storia delle Lasagne, da Napoli a Bologna — il Blog di ANGELO FORGIONE

Angelo Forgione – È uno dei piatti-bandiera dell’Italia nel mondo, una squisitezza la cui origine è spesso confusa. Chiedete in giro dove nascano le Lasagne e probabilmente vi diranno «a Bologna». Sbagliando. La storia è antichissima, e perciò difficile da ricostruire. Io l’ho fatto faticosamente per il mio saggio Il Re di Napoli e la […]

via Storia delle Lasagne, da Napoli a Bologna — il Blog di ANGELO FORGIONE

“Curiosando tra le origini delle maschere di Carnevale: Dottor Balanzone” di Maria Rosaria Perrone

Cultura Oltre

Il Dottor Balanzone è originario di Bologna. E’ una maschera della Commedia dell’Arte che rappresenta, in chiave satirica, il giurista e cioè “il dottore”. E’ una maschera legata alla tradizione della scuola giuridica dell’Alma Mater Studiorum, dell’antica università di Bologna. Il dottor Balanzone è il simbolo della persona dotta, bonaria, saccente e presuntuosa, che si lascia andare spesso in verbosi discorsi, infarciti di citazioni colte in latino maccheronico. Il nome Balanzone deriva proprio da balanza, bilancia, allegoria della giustizia. Balanzone veste sempre di nero, ha una grossa pancia, ha le guance rosse ed è solito gesticolare in modo pacchiano ed eloquente. Indossa una piccola maschera che copre solo le sopracciglia ed il naso, ha due grandi baffi e veste la divisa dei professori bolognesi, la toga nera, dove spiccano su di essa i polsini e il colletto bianchi, la giubba il mantello e un gran cappello. Ha un carattere cavilloso, sempre pronto ad…

View original post 52 altre parole